mercoledì 14 ottobre 2015

Seicentenario del Marchesato di Sorres (Villasor 03-10-15)




Avrà inizio venerdì 25 settembre (e terminerà domenica 18 ottobre), il Seicentenario del Marchesato di Sorres.
UNA GRANDE FESTA, quella in programma per i 600 anni dall'infeudazione di Sorres (l'antica Villasor) e la costruzione del Castello, che "durerà un mese e sarà ricca di novità, seguendo una parola d'ordine: l'ospitalità della nostra comunità" afferma il sindaco di Villasor, Walter Marongiu, che invita "tutti a partecipare per conoscere la nostra storia, il nostro territorio e le sue potenzialità".
La kermesse di eventi culturali, che si compone di 12 imperdibili giornate, allieterà a Villasor quattro weekend con momenti di sana cultura tra visite guidate, mostre, laboratori didattici e conferenze. In scena la storia e le sue vicende che lasciarono profonde impronte nel territorio locale.
Spazio all'archeologia, alle esplorazioni sotterranee. Musica, danze e cucina tipica sarda. Sarà una festa con la degustazione di ottime birre, di piatti tipici, un connubio tra storia e attualità, dove all'esibizione dei figuranti in abiti medievali si alterneranno anche i tour guidati e le feste per i più piccini da vivere negli spazi suggestivi del Castello.
Saranno questi ed altri gli ingredienti del Seicentenario del Marchesato di Sorres. Una iniziativa fortemente voluta dal Comune di Villasor in collaborazione con la ProLoco e per la quale fervono i preparativi.
LA MUMMIA E LA PESTE. Tra le sorprese è stata preannunciata l'esposizione della mummia ritrovata nel sepolcro della famiglia Alagon a Cagliari: direttamente dal Santuario della Madonna di Bonaria, il preziosissimo reperto, verrà esposto a Villasor.
La sua è una storia avvincente, sconosciuta ai più. Altra gradita sorpresa, la presenza delle autorità di Alagòn, Comune in provincia di Saragozza - Spagna, e il gruppo folk della stessa cittadina aragonese.
Spazio, nel corso delle serate culturali in scena dal venerdì alla domenica per quattro weekend consecutivi, anche alla mini-Sartiglia per i bambini, all'esibizione dei cavalieri medievali, ai tornei anch'essi medievali ma su due ruote, inaspettatamente in sella a una vespa.
Anche i percorsi musicali "dal Medioevo a oggi" con l'esibizione di diversi gruppi che si esibiranno in più occasioni, rientrano nel novero delle iniziative di un Seicentenario da festeggiare, stando in compagnia.
Per chi volesse partecipare, il Comune ha messo a disposizione del pubblico anche una info line al numero: 3335698338.
Venerdì 25 settembre appuntamento a Villasor, con la prima serata inaugurale della festa. Dalla mattina, al castello di Siviller, la consegna degli stendardi agli alunni delle scuole con le autorità, il sindaco e gli assessori comunali competenti. La sera, dalle ore 17,30 video proiezione di immagini inedite del sottosuolo della Sardegna e dei castelli medievali con Marcello Polastri e Roberto Brughitta che presenteranno il libro "Baci di laguna". Fine serata birra e würstel per tutti durante la Sorres Fest.


Nessun commento:

Posta un commento